Chiara Pota & Alfonso Peralta
First BikeCafé in Sicily
2 October 2015 - Impact Hub

Movimento Centrale: il primo bikecafè in Sicilia

  • Supportato da Impact Hub SiracusaUn progetto supportato da Impact Hub Siracusa. 

    È martedì pomeriggio e cammino per le stradine di Ortigia, verso il Bikecafé  di Chiara Pota e Alfonso Peralta. Oggi, hanno proposto di portarmi in un posto che ha un significato molto speciale per loro. 

    Camminiamo lungo l’acqua sul lato golfo di Ortigia e sono curiosa: perché questo posto è così importante per voi? 

    È la storia della nostra fondazione. Era il secondo gennaio 2014, un anno e mezzo fa – spiega Chiara sorridendo – Siamo andati qui lungo questa spiaggia per una passeggiata al tramonto. Mano nella mano, molto romantico. Lì abbiamo visto un cartello in una di quelle case al mare: “In vendita”, quello è stato il momento in cui l’idea di fare qualcosa qui è venuta in mente per la prima volta. Volevamo un posto in cui essere felici, e qui l’abbiamo trovato. L’idea iniziale era quella di trovare un posto con molte stanze per creare qualcosa di simile a un BnB, dedicato al cicloturismo, poiché siamo appassionati di biciclette. Questa prima idea è cambiata un po ‘fino ad oggi, ma è nata e cresciuta qui. Prima di venire a Siracusa, vivevano e lavoravano entrambi a Milano. Chiara in comunicazione e Alfonso come graphic designer per la pubblicità. “Abbiamo deciso di cambiare perché eravamo stanchi delle cose che facevamo. Volevamo fare qualcosa in un posto nuovo, meno orientato agli affari come Milano, un posto con uno stile di vita diverso, in cui dare un segnale alle generazioni future, alla comunità e al territorio. Un business come un bikecafé è un segnale positivo. Possiamo dire con orgoglio che stiamo facendo qualcosa di buono per la città e la comunità.

    Perché hai scelto Siracusa come luogo per la tua attività? 

    Ci sono diverse ragioni – dice Alfonso – prima di tutto è la città dove sono nato. Di tanto in tanto tornavo per le vacanze e mi rendevo conto che è un posto bellissimo: sul mare, con uno stile di vita tranquillo. Proprio ciò che mi mancava a Milano. Un altro motivo è che questa città è un po’ come una tela bianca, un territorio che è ancora poco sfruttato. Quindi, se la tua attività è ben pianificata e strutturata, hai buone possibilità di avere successo, perché non ci sono molti concorrenti in giro. 

    Dimmi qualcosa della tua attività, cosa stai facendo esattamente? 

    Offriamo cibo sano, biologico e locale, dalla mattina alla sera per tutto il giorno. Inoltre, noleggiamo biciclette e disponiamo di strumenti per ripararle gratuitamente. Diamo anche informazioni alle persone che vogliono andare in bicicletta, come itinerari speciali. Una volta alla settimana offriamo un tour in bici collettivo.

    È questa la tua missione, per dare alla gente una comprensione di questi valori? 

    Sì, proviamo a comunicare i nostri valori vivendoli. Ancora ci sono solo poche persone veramente sensibili ai problemi di sostenibilità, ala mobilità sostenibile o all’attenzione su cibo e spazzatura. Per la nostra attività ci siamo resi conto che, a Siracusa e forse in tutta la Sicilia, c’è ancora poca consapevolezza del fatto che ciò che facciamo oggi avrà un impatto sul nostro futuro. Non esiste ancora una cultura di questa consapevolezza. Pertanto, le persone non si preoccupano e si assumono la responsabilità per la loro azione. Speriamo di potenziare questa consapevolezza attraverso le nostre attività. 

    Prima di aprire il bikecafé siete stati molto vicini ad  Impact Hub. Cosa è successo lì? 

    Il nostro primo contatto con Impact Hub è stato a Milano. Abbiamo partecipato a una formazione di un giorno per le start-up. Lì abbiamo trovato un volantino che mostrava tutti gli Hub Impact nel mondo. Ho visto che ce n’era anche uno a Siracusa e sono rimasto sorpreso! Così, quando abbiamo deciso di avviare la nostra attività a Siracusa, li abbiamo contattati e abbiamo organizzato immediatamente una consulenza. Grazie alla Business Clinic, siamo stati in grado di concentrarci maggiormente sui punti deboli della nostra strategia aziendale. È stato un processo importante per noi. 

    Cosa rappresenta per te Impact Hub Siracusa? 

    È molto prezioso per gli innovatori in città, è una finestra sul mondo per Siracusa. La loro missione è davvero eccezionale. L’hub e le persone che lo frequentano vogliono avere un impatto positivo sul territorio, creare collaborazioni e sinergie. Respirare quelle emozioni ci dà molto potere e coraggio. 

    Cosa può aspettarsi un nomade digitale da questo luogo? 

    Penso che Siracusa sia il luogo perfetto per i nomadi digitali, un ambiente ideale: il clima è piacevole, è meno costoso rispetto ad altre città e non c’è stress. Inoltre puoi mangiare davvero bene e oltre al mare ci sono anche le montagne.

    Come potrebbe essere una giornata lavorativa a Siracusa? 

    Questa non è una grande città. Bastano pochi passi dall’ufficio al mare. Dopo esserti svegliato puoi fare un primo bagno, andare al lavoro, pranzare al mare e poi tornare in ufficio. Per la sera ci sono molti posti carini per mangiare o bere un drink. Non hai alcun fattore di disturbo esterno come in una grande città e questo ti consente di concentrarti sul tuo lavoro. Alla fine è un po ‘come in una grande famiglia con questa piccola città. Dopo qualche tempo conoscerai tutti. Entrare in contatto con persone reali, con amici, sono state cose che mi sono mancate molto a Milano. 

    Torniamo Movimentocentrale, dove mi fanno assaggiare il loro nuovissimo “Succo verde” – fatto con mela verde, cetriolo, limone e zenzero. Sempre più clienti affollano il posto perché è l’ora dell’aperitivo. La maggior parte di loro beve il “Semedorato”, una birra siciliana, Chiara si sposta da un tavolo all’altro, servendo piccoli bicchieri con snack di couscous e spiegando con un sorriso gentile come è fatto. Alfonso consiglia una coppia francese interessata al noleggio di biciclette e le invita al tour settimanale in bici comune, offerto ogni giovedì sera. Verso le dieci, quando è buio, prendiamo le nostre bici e andiamo tutti insieme in bei posti nei dintorni di Ortigia. A volte facciamo un bagno o suoniamo musica insieme. Tutti sono invitati a partecipare. 

    Thank you Alfonso and Chiara!

    Text, Photos and Graphic:
    Marie-Sophie Kammler
    marie.kammler@hotmail.de